refettorio bottura parigi

Massimo Bottura apre un nuovo refettorio a Parigi

Dopo Milano, Rio de Janeiro e Londra, lo chef modenese tiene a battesimo un nuovo refettorio per i poveri nella capitale Francese.

Massimo Bottura a Parigi. Non per partecipare a qualche evento o show cooking di richiamo ma per inaugurare la nuova creatura nata dal lavoro e dall’impegno di Food For Soul. l’associazione no-profit da lui ispirata che si adopera per trasformare il sourplus alimentare in pasti di qualità per le persone indigenti. Food for soul opera principalmente promuovendo l’iniziativa dei refettori. luoghi nei quali chi ne ha bisogno può trovare conforto non solo per lo stomaco (pasti caldi realizzati con materie prime recuperate dagli scarti alimentari) ma anche per l’anima perché gli arredi e gli ambienti di questi refettori sono dei veri e propri gioielli di arredamento e d’arte realizzati per dare anche un conforto allo spirito delle persone che vi fanno ricorso. La nuova mensa pubblica inaugurata da Bottura lo scorso 15 marzo si trova nei sotterranei della chiesa della Madeleine, nel pieno centro della Ville Lumière. Qui dal 1978 opera già una mensa diurna (Le Foyer) che serve pasti al prezzo di 9 euro, o di un euro simbolico, se il cliente è in condizioni di bisogno. Food for Soul garantisce ora anche l’apertura serale della struttura. La formula è la stessa collaudata nelle precedenti esperienze del refettorio Ambrosiano a Milano, Gastromotiva a Rio De Janeiro e Refettorio Felix a Londra: grandi chef amici di Bottura coinvolti in prima persona; recupero delle eccedenze alimentari donate da supermercati, ristoranti e mercati alimentari;  arte alle pareti arredi di design e – soprattutto – il desiderio di restituire dignità ai meno fortunati. Dunque anche qui per rinnovare gli spazi sono stati coinvolti artisti, designer e architetti come JR e Prune Nourry, Kubra Khademi, Nicola Delon e Ramy Fischler. Inoltre nelle prossime settimane molti chef francesi amici del patron di Osteria Francescana saranno chiamati a “servire” nelle cucine della mensa per preparare prelibatezze stellate con gli scarti alimentari che saranno donati alla struttura e per formare il personale di cucina. Fino ad oggi Food for soul ha recuperato e utilizzato oltre 45 tonnellate di scarti alimentari non scaduti che altrimenti sarebbero andati distrutti fornendo 450mila pasti a più di 150mila persone in stato di indigenza.

Foto: Il logo di Refettorio Paris.