Aimo e Nadia diventa anche bistrot

Lo storico ristorante milanese di via Montecuccoli da oggi avrà una seconda insegna cittadina, più informale, ma sempre attenta al rapporto fra arte, cucina e design che da anni lo contraddistingue. Il nuovo BistRo Aimo e Nadia si trova in via Bandello 14 a Milano. È un progetto di ristorazione molto particolare che vede coinvolta, oltre al trio Fabio Pisani, Alessandro Negrini e Nadia Moroni (che ha ormai stabilmente assunto le leve del comando nel ristorante due stelle Michelin che ha fatto la storia della ristorazione milanese sotto la conduzione dei mitici Aimo e Nadia Moroni), anche la gallerista Rossana Orlandi. E richiamano proprio le sue iniziali, RO, le due lettere che chiudono il logo del nuovo locale che sorge a pochi passi dalla Galleria d’arte della stessa Orlandi. Il BistRo, anzi, è stato pensato per essere parte integrante delle strutture connesse alla galleria e ne ospiterà eventi e appuntamenti. L’offerta gastronomica è a tutto tondo e copre l’intera giornata a partire dalla colazione, passando per il pranzo, il tè del pomeriggio e, naturalmente, la serata. Gli ambienti interni sono estremamente curati e – fatto raro per un ristorante – sono utilizzate anche delle stoffe grazie alla collaborazione con Etro. La cucina del BistRo avrà la stessa filosofia del Luogo di Aimo e Nadia, privilegiando l’italianità, la grande attenzione alle materie prime, la valorizzazione e il rispetto del territorio. Cambierà soltanto la formula della proposta, più informale rispetto al ristorante. Oltre ai piatti pensati dalla cucina per il pranzo e per la cena, il bar offrirà la possibilità di consumare pasti più frugali e veloci. Ricercata e ricca la carta dei vini, che offrirà una proposta non convenzionale ma legata al territorio con etichette di qualità a costi più in linea con la filosofia del locale.